in:

Ennesimo caso di truffa agli anziani questa mattina in via Vignolese. Un uomo di 81 anni, solo, ha aperto la porta a una coppia di finti vigili urbani che gli hanno portato via una borsa piena di oggetti in oro.

Truffatori sempre più astuti e diabolici. Colpiscono vittime sole e indifese, per portar loro via qualsiasi valore custodiscano in casa. Ormai non è più sufficiente la normale diffidenza, a proteggere gli anziani chiusi nelle proprie case, come dimostra l’episodio accaduto questa mattina in città, in via Vignolese, ad un uomo conosciuto dai vicini come riservato e giustamente sospettoso nei confronti degli ospiti inattesi. L’ uomo, 81anni, vedovo, professionista in pensione, ha ricevuto la visita di due finti vigili urbani che, adducendo la scusa di una verifica della residenza, si sono fatti aprire la porta. Una volta all’interno hanno giustificato i loro movimenti nell’appartamento dichiarando che dovevano controllare la metratura. L’anziano, credendo di avere a che fare con rappresentanti delle forze dell’ordine, non si è preoccupato, fino a che, una volta usciti i due, si è accorto che mancava un tesoro: una borsa colma d’oggetti in oro. Il valore è ancora da stabilire con esattezza, ma la cifra potrebbe essere superiore ai 100mila euro. L’uomo, disperato, ha avvisato i carabinieri. Di solito, il consiglio, di fronte a persone di dubbia qualifica, è di rivolgersi subito alle forze dell’ordine. Una buona pratica difficile da attuare in questo specifico caso.


Riproduzione riservata © 2016 TRC