in:

Banditi in azione alla stazione Shell sulla tangenziale Pasternak di Modena. Devastano gli uffici e danno fuoco a un’auto. Ma tutto è stato filmato dalle telecamere dell’impianto. Incendio nella notte anche in via Coppi.

In pochi minuti hanno devastato il chiosco dell’area di servizio e dato fuoco a un’automobile, ma grazie alle telecamere a circuito chiuso dell’impianto, la polizia ha una traccia da seguire. Nella notte, alla 4.23 precise – testimoniano le telecamere – quattro banditi tutti incappucciati hanno usato un’auto come ariete per infrangere la porta posteriore del chiosco della stazione di servizio Shell della tangenziale Pasternak, quartiere Torrazzi a Modena. In meno di cinque minuti, hanno saccheggiato gli uffici e rubato il denaro del fondo cassa, poche centinaia di euro, quindi hanno razziato il negozio dei pezzi di ricambio e svuotato tutti gli estintori. “Probabilmente – ipotizza il titolare Venerio Vaccari – cercavano i filmati delle telecamere per proteggere la fuga. In passato l’impianto era già stato ‘visitato’ dai ladri, per questo Vaccari ha deciso di installare 14 telecamere e queste hanno funzionato a dovere. Nei filmati si vede l’arrivo dell’auto mobile, lo scempio compiuto dai quattro malviventi e la fuga, a bordo di un furgone bianco con un quinto complice. I filmati sono stati consegnati alla polizia e questa mattina all’alba, dopo l’intervento dei vigili del fuoco, Vaccari e i suoi dipendenti hanno rimesso tutto in ordine, compresa la porta sfondata. Danni complessivi per circa 10mila euro. Alla polizia il compito di trovare i banditi e ricostruire la loro notte brava. E’ infatti probabile che l’auto sia stata data alle fiamme perchè utilizzata per qualche azione criminosa. Via CoppiNon sono ancora chiare le cause che hanno provocato l’incendio di una Smart parcheggiata in via Coppi, a Modena, all’altezza del numero 84. Poco dopo le 4.30, i residenti sono stati svegliati da un grosso rumore, probabilmente lo scoppio del serbatoio dell’utilitaria. Malgrado l’intervento dei vigili del fuoco, la vettura è andata completamente distrutta e sono rimaste seriamente danneggiate anche le automobili parcheggiate vicino alla Smart, una monovolume e una Renault Modus. Le fiamme e il forte calore sprigionato hanno provocato danni anche alle villette di fronte: i serramenti in plastica e la mascherina dei campanelli si sono completamente sciolti, così come le tubazioni, sempre in plastica, dell’impianto di irrigazione del giardino. La Smart apparteneva ai fratelli Lucarelli, titolari del negozio Ground Zero di piazzale Manzoni a Modena, rientrati a casa ieri sera alle 21. Un paio di settimane fa, entrambi i fratelli avevano subito il furto dell’autoradio dalle loro vetture, un furto nel negozio un paio di anni fa; null’altro che possa far pensare a un atto vandalico. Al momento, comunque, per la polizia e i vigili del fuoco, l’incendio è di natura accidentale, provocato da un corto circuito.


Riproduzione riservata © 2016 TRC