in:

Ha minacciato di darsi fuoco davanti all’ingresso della banca popolare dell’Emilia Romagna di viale Amendola, accudendo problemi finanziari. Bloccato dalla polizia un pensionato modenese. Aveva in mano una bottiglia piena di benzina e un accendino.

E’ arrivato davanti alla filiale della Banca popolare dell’Emilia Romagna, di viale Amendola, a Modena, alle 9 circa di oggi. Con un cartello appeso al collo con su scritto “Mi avete rovinato”, avvicinava i clienti che si recavano all’istituto di credito farneticando di investimenti irregolari, di soldi che voleva dare ai suoi nipotini spariti nel nulla, e che per questo voleva darsi fuoco. I dipendenti hanno chiuso le porte, per evitare possibili danni ai tanti clienti dentro agli uffici, e hanno chiamato la polizia. Gli agenti sono arrivati in pochi minuti e hanno visto l’uomo, un pensionato modenese di 68 anni, con in mano un accendino e una bottiglia piena di benzina infilata nella giacca. Numerosi i presenti, fra questi anche il procuratore sportivo Beppe Galli, che ha cercato di convincere l’uomo a non fare pazzie, proprio per il bene dei nipotini. Ma a quel punto gli uomini in divisa hanno agito, e mentre uno parlava con l’anziano decisamente scosso, l’altro lo afferrava alle spalle, bloccandolo a terra. La bottiglia si è rotta, la benzina sparsa a terra, l’accendino sparito, ogni pericolo era scongiurato. Il pensionato si è allora rialzato piangendo ed è stato portato in questura, poi affidato ai famigliari. All’origine della disperazione, ha raccontato il 68enne, l’acquisto di 6mila azioni del Sole 24 ore, investimento in borsa che presenta possibili rischi e che l’uomo sostiene non gli erano stati chiariti. I dirigenti della banca fanno sapere che i documenti erano tutti regolari, anche ricontrollati recentemente dopo un reclamo proprio dello stesso cliente. Il pensionato si era anche rivolto il 16 gennaio a Federconsumatori, che gli aveva illustrato i possibili percorsi da seguire per eventuale recesso, ma poi non si era più presentato.


Riproduzione riservata © 2016 TRC