in:

E’ di fatto finita la corsa mondiale di Sebastian Vettel: nel Gran Premio di Russia a Sochi, gioco di squadra Mercedes con Bottas che lascia la vittoria a Hamilton, ora a +50 punti dal tedesco della Ferrari.

Come spesso accade nella Formula 1 moderna, tutto si è giocato al via: allo spegnimento dei semafori, Vettel, terzo sulla griglia di partenza, ha giocato il tutto per tutto cercando l’attacco all’esterno su Lewis Hamilton. Il leader del Mondiale, secondo al via, ha però sfruttato la scia del compagno di squadra Bottas, partito in pole, per resistere allo spunto potente della rossa. Confronto ruota a ruota vinto da Hamilton e fine delle trasmissioni. Perchè da lì in poi, dalla seconda curva del Gran Premio di Russia a Sochi, le Mercedes hanno cominciato a gestire la gara come pianificato, lavorando di squadra. Il momento spartiacque tra il 13’ e il 16’ giro, con la sequenza dei pit stop inaugurata da Bottas e proseguita da Vettel e Hamilton. Con un giro da fuoriclasse Vettel era riuscito a guadagnare la posizione su Hamilton, ma con un attacco spettacolare l’inglese si è ripreso subito il secondo posto senza lasciare spazio di replica a Vettel. Istantanea eloquente del momento di convinzione diametralmente opposto vissuto dai duellanti mondiali. Hamilton poi ha beneficiato anche della generosità di Bottas e del gioco di squadra Mercedes: ordini chiari quelli impartiti dal team principal Toto Wolff: il finlandese ha lasciato strada alla prima guida che porta così a casa altri 25 punti, contro i 15 di Vettel, solo terzo al traguardo: 50 punti di differenza in classifica ora tra Hamilton e Vettel, un distacco che sa di sentenza definitiva sulla corsa mondiale. Dietro, alle spalle della seconda Ferrari di Raikkonen 4’, da segnalare la strepitosa rimonta di Verstappen, quinto a suon di sorpassi partendo da fondo griglia. Ottimo anche il prossimo ferrarista Leclerc, 7’ con la sua Sauber: la notizia migliore in un pomeriggio che impone di cominciare a preparare il futuro.


Riproduzione riservata © 2018 TRC