in:

Potrebbe essere stato il più grande pinnacolo di sempre: non necessariamente per qualità

Potrebbe essere stato il più grande pinnacolo di sempre: non necessariamente per qualità, o puntualità nella collocazione delle “matte”; sicuramente per numero, con ben 138 coppie partecipanti; e per grandezza del cuore, dal momento che il ricavato è andato tutto all’AVIS. Che all’occasione ha partecipato in forze, perseguendo una doppia finalità: raccogliere fondi appunto – 2.800 euro, per la cronaca – e anche fare comunità, sensibilizzando i 276 partecipanti a donare il sangue.
I gustosi premi sono andati alle prime 20 coppie classificate, alla più giovane, alla più matura e anche alla peggiore. La migliore, sempre per la cronaca, è stata quella composta da Ivette Manzini e Julka Menoni, a loro modo nella Storia. Clima disteso – ma agonistico – e nessuno sgarro al regolamento, supervisionato dalla Polisportiva Cognentese. Un successo che verrà replicato alla Festa de l’Unità anche l’anno prossimo.


Riproduzione riservata © 2018 TRC