in:

Prime vittime anche sotto le due torri. Il bilancio sale a dieci decessi in regione

Due anziane ricoverate da alcuni giorni a Bologna sono morte per il virus della West Nile. Entrambe erano ottantenni e avevano alcune patologie pregresse. Sale a 10 il numero di vittime in regione, in un anno in cui il virus, veicolato dalle zanzare, ha visto un’impennata di casi tra le province di Bologna, Modena, Ferrara e Ravenna.

“La febbre da West Nile, trasmessa dalla zanzara comune notturna (Culex pipiens) che punge nelle ore comprese tra il tramonto e l’alba, non è una malattia mortale – scrive l’Ausl in una nota -. Nella maggior parte dei casi i sintomi scompaiono da soli dopo qualche giorno o settimana. Nei casi più gravi è necessario, invece, il ricovero in ospedale. Le situazioni più gravi si verificano quando, come nei due casi avvenuti a Bologna, la persona colpita da West Nile versa già in uno stato di deperimento fisico causato da altre patologie”.


Riproduzione riservata © 2018 TRC