in:

Tanti i passeggeri in fila all’ufficio informazioni per capire come ottenere il rimborso o essere dirottati in un altro aeroporto

Arrabbiati è dir poco: la fila all’ufficio informazioni della compagnia Ryanar all’aeroporto Marconi di Bologna è lunga quanto la stizza e l’amarezza dei passeggeri per il volo cancellato causa lo sciopero indetto dal personale di bordo della della compagnia low cost irlandese, che si ferma per 24 ore. “Si protesta, spiegano spiegano Filt Cgil e Uiltrasporti, per il diritto ad un contratto collettivo e per il riconoscimento dei diritti dei lavoratori”. Le conseguenze della vertenza sono stati 18 voli cancellati su 186 programmati al Marconi.

C’è chi al volo cancellato deve aggiungere anche la drammatica situazione ad Atene con due focolai che hanno interessato la capitale greca

Il presidente dell’Autorità di garanzia per gli scioperi ha inviato una richiesta di informazioni urgenti ad Enac, Autorità dei Trasporti e Ryanair sullo sciopero di oggi. Avverte la compagnia, ricordando che “le dichiarazioni rese da Ryanair in ordine all’assenza di impatto di scioperi proclamati nel territorio nazionale da organizzazioni sindacali italiane” che qualora questa valutazione risulti errata e, conseguentemente, derivino pregiudizi nei confronti degli utenti, l’Autorità procederà alla valutazione del comportamento aziendale” ai sensi legge 146/90, che prevede sanzioni. Si chiede anche di comunicare con urgenza se sono stati soppressi voli nelle fasce di garanzia o tra quelli individuati come collegamenti da garantire.

 

 


Riproduzione riservata © 2018 TRC