in:

Salutati dalla presidente dell’assemblea legislativa Saliera

Più di 500 bambini bielorussi e ucraini passeranno due mesi in Italia per ricevere le visite
pediatriche e sanitarie di cui hanno bisogno. Anche quest’anno l’Assemblea legislativa dell’Emilia-Romagna li ha accolti per celebrare insieme l’inizio delle loro vacanze. “Da più di 30 anni – ha detto Simonetta Saliera, presidente dell’Assemblea legislativa – la nostra Regione ospita questi bambini e vogliamo portare avanti insieme questa tradizione di solidarietà, anche per conoscerci meglio e capire le esigenze che sono cambiate nel tempo”. La maggior parte dei bimbi proviene da istituti per orfani, case famiglia e centri per disabili delle regioni di Gomel e Vitebsk, fra le aree più colpite dalla nube radioattiva di Chernobyl nel 1986. Sono oltre 40 le associazioni in Emilia-Romagna che aiutano a gestire l’accoglienza dei bambini. La novità di quest’anno è che queste associazioni potranno realizzare progetti di cooperazione internazionale anche in Bielorussia. In programma anche un libro, curato da Angelo Varni, che raccoglierà le esperienze di tutti questi anni dell’Emilia-Romagna con i bambini di Chernobyl.


Riproduzione riservata © 2018 TRC