in:

Finalmente eccolo: il sottopasso ex Benfra è realtà.

Non tanto i costi, pari a 530mila euro, quanto la durata interminabile del progetto avevano fatto disperare i residenti della zona, oltre a tutti coloro che cercavano un passaggio ciclopedonale tra zona Crocetta e centro che fosse un po’ più comodo del Cavalcaferrovia Ciro Menotti. Finalmente eccolo: il sottopasso ex Benfra è realtà. E dopo il doppio fallimento delle aziende incaricate di completare l’opera, circostanza che ha allungato a dismisura i tempi di realizzazione, il Comune ha deciso di finire il lavoro da sé – senza costi aggiuntivi, e in poco più di un mese e mezzo.
Il sottopasso interrato è tenuto asciutto da motopompe che mantengono la sottostante falda sotto controllo; ci sono sirene d’allarme in caso di guasti, e le telecamere di videosorveglianza che monitorano la zona già da alcuni mesi. Anche la viabilità circostante è stata finalmente liberata, con un nuovo accesso stradale sotto il cavalcaferrovia e un percorso diretto verso il Museo Ferrari dalla parte opposta. Protagonisti dei lavori, e della loro speditissima fase finale, anche diciotto richiedenti asilo.
Continuano intanto i lavori nei molti cantieri su strade e autostrade: sulla tangenziale nord di Modena e diramazione per Sassuolo ANAS continuerà a sistemare i giunti dei viadotti fino al 10 agosto con limitazioni al traffico e restringimenti di carreggiata tra le 7.00 e le 20.00 esclusi giorni festivi e prefestivi.
E sempre in tema di lavori stradali vi ricordiamo stasera dalle 22 alle 6 di domani mattina la chiusura in entrambe le direzioni dello svincolo 15 della tangenziale di Modena. L’intervento è legato alla costruzione del nuovo raccordo autostradale di Modena Nord.


Riproduzione riservata © 2018 TRC