in:

Zaytsev, opposto della Nazionale e di Modena Volley reo di aver pubblicato un post inoffensivo su Facebook

Dagli insulti più spregevoli alle profezie più terrificanti, per di più calate sulla pelle di una bambina in tenera età. Sienna, la figlia di Ivan Zaytsev, opposto della Nazionale e di Modena Volley reo di aver pubblicato un post inoffensivo su Facebook circa un tema che, evidentemente, inoffensivo non è agli occhi di molti: quello delle vaccinazioni. “E anche il meningococco è fatto, bravissima la mia ragazza” ha scritto lo Zar accompagnando il testo con uno scatto insieme alla bambina; post condiviso, poco dopo, nella bacheca di un no vax. “Caro Zaytsev, pensa a giocare a pallavolo; migliaia di bambini sono morti a causa dei vaccini o sopravvivono gravemente danneggiati” scrive il primo degli accusatori, ma quello che segue nei commenti è ancora peggio. “Zingaro, spero che Salvini ti rimandi al tuo Paese”. E ancora “cretino”, “bavoso”, altri ancora semplicemente irriferibili. Poi le minacciose profezie: “chissà che danni le porterà”, “vediamo quando le diagnosticheranno qualcosa”. Qualcuno prova a difendere papà e figlia, ma l’attacco continua: “Chi l’ha pagato” scrive qualche complottista. Qualcuno aggiunge, paradossalmente: “non vogliono lasciarci scegliere”. Alcuni commenti fanno quasi ridere: “secondo me i vip hanno vaccini di serie A” scrive una. Altri purtroppo sono molto meno divertenti: “Ti auguro che la bimba sia così sorridente anche domani e sempre”, scrive un’altra, che aggiunge “a volte il sorriso si spegne lentamente”. C’è pure il riferimento a una foto in compagnia dell’atleta paralimpica Bebe Vio, che ha perso braccia e gambe proprio a causa della meningite. “Vuole una medaglia?” chiedono infine a lui che ne ha vinte tante, mentre la moglie di Zaytsev, Ashling, pubblica i commenti sulla propria pagina Facebook commentando incredula: “Eppure il cuore è uguale in tutti gli esseri umani”. Intanto, alcuni dei messaggi più crudeli sono stati cancellati dall’atleta sul suo post. (Nella foto uno dei commenti)

Uno dei commenti


Riproduzione riservata © 2018 TRC