in:

Contro il piano di riorganizzazione che prevede 361 esuberi e la chiusura di 24 filiali Fedex e 46 Tnt. I lavoratori dell’Emilia Romagna si sono dati appuntamento a Bologna

I lavoratori di Fedex e Tnt oggi hanno incrociato le braccia in tutta Italia per protestare contro il piano di integrazione fra le due società che prevede licenziamenti, trasferimenti e chiusure di filiali. Uno sciopero indetto unitariamente da Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti a seguito della procedura di licenziamento collettiva di 360 addetti e la la chiusura di 24 filiali Fedex e 46 Tnt. I lavoratori dell’Emilia Romagna si sono dati appuntamento a Bologna, per un presidio davanti alla sede Rai e ai palazzi della Regione.

In Regione è già stata annunciata la chiusura della filiale Fedex di Forlì e trasferimenti per altri addetti emiliano-romagnoli in altre sedi che si trasformano di fatto in licenziamenti


Riproduzione riservata © 2018 TRC