in:

Al quartiere Madonnina si è parlato della trasformazione dell’area occidentale della città con il recupero della ex ferrovia e il collegamento con il polo Leonardo

Al quartiere Madonnina si è parlato della trasformazione dell’area occidentale della città con il recupero della ex ferrovia e il collegamento con il polo Leonardo. Un progetto ambizioso e complesso. “Troppo inquinamento – è l’appello più Comune che arriva dalla gente – serve una bonifica di tutta l’area”. Il progetto è quello della Madonnina o meglio della famosa diagonale, il recupero delle storica ferrovia dismessa tre anni fa cuore di un trasformazione urbana che dovrebbe collegare la parte occidentale con il resto della città. Arena della discussione insieme al sindaco Muzzarelli una polisportiva Madonnina stipata. Tanta la carne al fuoco, dalla congestione della via Emilia alle piste ciclabili, dal percorso che collegherà san Cataldo e il polo Leonardo al recupero dei aree degradate. Un platea variegata all’incontro organizzato dal circolo Pd del quartiere residenti, comitati ambientalisti, e non sono mancati toni accesi. Poi c’è la questione fonderia “Verrà spostata dalla Madonnina” ha ribadito il sindaco, ma i residenti chiedono più certezze. Un mosaico complesso per un progetto di oltre due milioni di euro ma il sindaco ha ribadito “Ascolteremo tutti”.


Riproduzione riservata © 2018 TRC