in:

La gente perde di tutto, perfino la fede, quella del matrimonio. Dei 770 oggetti smarriti in città ad aprile solo 200 sono tornati ai proprietari

La gente perde di tutto, perfino la fede, quella del matrimonio. Dei 770 oggetti smarriti in città ad aprile e consegnati all’Ufficio oggetti rinvenuti del Comune di Bologna, poco meno di 200 sono stati restituiti ai legittimi proprietari che ne avevano denunciato lo smarrimento. Non solo portafogli, indumenti, borsoni, bracciali, cappelli e occhiali da sole (in aumento con la bella stagione), ma anche chiavi, zaini e borse, 5 smartphone, un tablet e persino il libretto delle giustificazioni di uno studente (oggetto ormai in disuso con il registro elettronico) e certificati medici. E appunto una fede d’oro, con incisa una data, che è stata poi riconsegnata alla persona che l’aveva ritrovata e affidata al Comune, visto che entro i termini consentiti (12 mesi) il legittimo proprietario non si è presentato a reclamarla: non solo persa, ma anche “dimenticata”. Nel mese di maggio (dall’8 al 17) verranno poi messi all’asta diversi oggetti non reclamati (tra cui smartphone, borsoni, portafogli e borse): la vendita si svolgerà sul sito di benimobili.it


Riproduzione riservata © 2018 TRC