in:

L’uomo, indagato in altro procedimento per il reato di tentata estorsione, ora è accusato anche di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio

I carabinieri cercavano le prove per altro reato e hanno trovato la droga. La naturale conseguenza per il 50enne reggiano, indagato nell’ambito di altro procedimento per il reato di tentata estorsione, è stata quella di ritrovarsi anche denunciato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti. I carabinieri della stazione di Quattro Castella infatti nel corso di una perquisizione delegata dalla Procura reggiana hanno rinvenuto in disponibilità del 50enne 8 grammi di hascisc suddivisi in due dosi e una cinquantina di grammi di semi di marijuana. Con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti i carabinieri della stazione di Quattro Castella hanno quindi denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale reggiano il 50enne sequestrandogli quanto illecitamente detenuto. La vicenda trova spunto da altro procedimento che vede l’uomo essere indagato per il reato di tentata estorsione. Al fine di accertare il possesso delle prove per tale reato la Procura reggiana delegava i carabinieri della stazione di Quattro Castella ad eseguire nell’abitazione dell’indagato una perquisizione domiciliare. L’attività dei carabinieri inguaiava ulteriormente il 50enne. Durante la perquisizione infatti in un cassetto della cucina i carabinieri di Quattro Castella rinvenivano due pezzi di hascisc del peso complessivo di 8 grammi ed una scatola in plastica contenente una cinquantina di semi di marijuana. La droga veniva quindi sequestrata con l’uomo che veniva denunciato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.


Riproduzione riservata © 2018 TRC