in:

L’esercitazione si è svolta nella scorsa notte simulando attacchi terroristici nel parcheggio sotterraneo dell’alta velocità

Un’esercitazione congiunta tra le unità di primo intervento antiterrorismo di polizia e carabinieri si è svolta la scorsa notte a Roma, Bologna e Genova. All’indomani dell’attentato terroristico di Barcellona, secondo le direttive del ministro dell’Interno, è stata predisposta l’intensificazione dell’attività di prevenzione in sinergia operativa tra le forze di Polizia. E’ stata quindi pianificata una esercitazione congiunta tra le unità di primo intervento antiterrorismo della Polizia di Stato e dell’Arma dei Carabinieri, contemporaneamente in tre diverse città e in scenari operativi complessi e differenziati. Al termine dell’attività di pianificazione ed individuazione degli obbiettivi, l’esercitazione si è svolta nella scorsa notte simulando attacchi terroristici in tre diversi contesti operativi: a Roma in una stazione della metropolitana, a Bologna nel parcheggio sotterraneo della stazione ferroviaria dell’alta velocità e a Genova in una zona d’imbarco del porto. Nello specifico a Bologna, come si vede nel video realizzato dalle forze dell’ordine, il personale è sceso nel parcheggio bloccando il presunto terrorista. In ciascuna città all’esercitazione hanno partecipato unità Uopi della Polizia di Stato congiuntamente a Sos o Api dell’Arma dei Carabinieri, unitamente a equipaggi delle Volanti, dei Reparti Prevenzione Crimine della Polizia di Stato e Radiomobili dei Carabinieri per la “cinturazione” degli obiettivi, per un totale di oltre 150 uomini. Le esercitazioni, realizzate con lo scopo di testare la capacità e velocità di reazione ad una notizia di attentato, o possibile attentato, in corso e la sinergia operativa tra le Unità di primo intervento delle due forze di polizia, hanno avuto esito positivo. Lo riferisce l’Ansa


Riproduzione riservata © 2017 TRC