in:

Primo giorno di scuola per nidi e materne comunali con il rebus vaccini. Sono circa 9000 i bambini tra i 3 e i sei anni da vaccinare a Modena per essere in regola con la nuova normativa

Primo giorno di scuola per nidi e materne comunali con il rebus vaccini. Sono circa 9000 i bambini tra i 3 e i sei anni da vaccinare a Modena per essere in regola con la nuova normativa, il 10 per cento del totale. Entro il 10 settembre i piccoli devono essere vaccinati oppure con la prenotazione già attivata. Secondo il sole 24 ore che ha analizzato la situazione in tutte le regioni italiane l’Emilia Romagna per avendo un alto tasso di piccoli in regola è comunque al di sotto del 95 per cento indicata dall’Oms. Sfiorano il tetto minimo la polio, la difterite il tetano la pertosse, l’epatite l’Hib, mentre scendono molto al di sotto i vaccini per morbillo, parotite rosolia e varicella. Ma come hanno affrontato questo complicato debutto i genitori modenesi’. Non solo vaccini. L’altra novità per le materne comunali riguarda l’apertura anticipata rispetto al normale inizio dell’anno scolastico. Risolto il capitolo infanzia, resta aperto quello di bimbi dai 6 anni in su, ovvero quello della scuola dell’obbligo sul quale Regione e Ufficio scolastico sono al lavoro per rispettare la scadenza del 31 ottobre. Le vaccinazioni obbligatorie, e gratuite, lo ricordiamo sono ora dieci: oltre a difterite, tetano, antipolio ed epatite B si aggiungono pertosse, emofilo di tipo B, morbillo, rosolia, parotite, e per chi è nato dal primo gennaio 2017 anche varicella.


Riproduzione riservata © 2017 TRC