in:

Ieri sera al circolo Menecò di Medolla la solidarietà fra popolazioni terremotate si è rinnovata

Nunzio Borelli e Italo Paolini hanno stretto amicizia sul campo, è il caso di dirlo: sono entrambi medici, e un anno fa lavoravano assieme tra gli sfollati del centro Italia distrutto dal sisma. A distanza di 12 mesi hanno organizzato a Medolla, altro comune che il terremoto lo conosce bene, una spaghettata benefica per Arquata del Tronto, tra i comuni più colpiti e soprattutto meno guariti da quelle devastanti scosse. Arquata guarda all’Emilia ricostruita con ammirazione, confessa Paolini. E sogna una ripartenza collettiva che per ora le macerie stanno ostacolando: chi viveva ad Arquata, Accumoli, Amatrice, vorrebbe tornare a casa ma non può farlo. E dietro ai sassi sbriciolati ci sono le anime ferite: spesso, molto più complicate da guarire.


Riproduzione riservata © 2017 TRC