in:

Continuano a giungerci le vostre segnalazioni di abbandoni occasionali di rifiuti, piccoli e grandi

Torniamo a parlare di rifiuti mentre continuano a giungerci le vostre segnalazioni di abbandoni occasionali, dai classici “lanci dal finestrino” allo smaltimento senza criterio di mobili e altri oggetti ingombranti. Dopo i casi documentati sulla Modena-Sassuolo, a Nonantola e in altre località della provincia, è evidente che quello dell’abbandono di rifiuti spesso ingombranti sia un problema da risolvere. Modena è abituata al decoro, e dove questo viene a mancare i cittadini fanno puntualmente il loro lavoro di segnalazione e, quando necessario, pressione sulle istituzioni; che ribadiscono come il servizio di rimozione degli ingombranti sia gratuito, e che il primo decisivo ruolo nell’evitare queste discariche a cielo aperto sia quello di ciascuno di noi. Abbiamo fatto il punto con l’Assessorato all’ambiente (ascolta l’intervista).
L’esperienza virtuosa delle aree artigianali e industriali è il paradigma dal quale ripartire per liberare dall’immondizia il territorio: l’introduzione del porta a porta in tre distretti modenesi ha portato risultati inequivocabili, e l’operazione è pronta a partire in altre due zone della città. Già ai Torrazzi, alla Bruciata e nella zona delle Nazioni, distretti artigianali, il porta a porta ha portato al raddoppio della raccolta differenziata e al crollo degli abbandoni. Presto partità nella zona di via Emilio Po e in parte di Modena est.


Riproduzione riservata © 2017 TRC