in:

Una vendemmia precoce proprio per il caldo africano e la siccità che hanno messo a dura prova le colture del territorio

Gli agricoltori sanno da sempre affrontare le stagioni più o meno buone, ma quest’anno il caldo africano e la siccità, precoce e prolungata, hanno messo a dura prova la resilienza di chi lavora la terra e colpito altrettanto duramente le vigne. A Zola Predosa, sui colli bolognesi, nell’azienda il Monticino, la vendemmia è già quasi ultimata. I grappoli sui filari di Chardonnay e Grechetto Gentile, il Pignoletto che è tra i vini più richiesti all’estero, sono già stati raccolti. Le uve rosse, Barbera, Merlot e Cabernet- Sauvignon, che di solito si raccolgono dopo la metà di settembre, saranno in cantina già verso fine mese. Grappoli più piccoli, così come gli acini, e se la qualità non ne risente la produzione sì, in calo fra il 40 e il 50% rispetto a una normale annata qui a Zola.


Riproduzione riservata © 2017 TRC