in:

Se a lato delle carreggiate c’è il problema del degrado ce n’è un altro, altrettanto importante, che riguarda le strade stesse

Questo è quello che si vede ai lati di alcune strade portanti di Modena, bottiglie cartacce, oggetti di ogni tipo lanciati dal finestrino. Immagini di degrado che vi abbiamo mostrato in diversi servizi di questi giorni e che stanno raccogliendo i tanti commenti dei molti modenesi sensibili al problema. Qualcuno ci ha scritto proponendo che nelle piazzole di sosta vengano messi cestini o cassonetti, che non saranno la panacea di tutti i mali ma che in parte, di augura la cittadina che ha preso carta e penna, potrebbero aiutare a limitare il problema degrado. Vedremo se qualcosa accadrà. Ma se quello che vi abbiamo mostrato è ciò che si vede a lato delle carreggiate questo è invece quello che si vede sopra le strade, e se possibile (visto che qui entra in campo il tema della sicurezza) la fotografia generale è ancora più preoccupante. Lo scarso traffico di questi giorni di agosto ci permette di riprendere meglio lo stato comatoso di alcune arterie di Modena che sembrano diventate quasi una zona franca. Un vero e proprio patchwork di rappezzamenti continui, colate di asfalto sparse qua e là a distanza di pochissimi metri l’una dall’altra a tentare di coprire un groviera di buche e risulta difficile immaginare che questa sia la soluzione reale al problema. Mentre in provincia vengono vietate nuove strade al transito dei ciclisti proprio per il problema della manutenzione del manto stradale, l’immagine in città è una sequela senza sosta di macchie scure impossibili da evitare soprattutto su strade ad alto scorrimento come queste che solitamente si percorrono anche ai 100 all’ora. Qui siamo sulla tangenziale di Modena, questa la complanare, questo è un tratto della Modena Sassuolo, stessa strada stavolta in senso contrario ma la situazione non cambia. I segnali, è vero, ci sono ad indicare gli avvallamenti ma la sensazione è che non riportino fedelmente la portata della criticità di un problema che sulle strade di Modena non è nato certo oggi.


Riproduzione riservata © 2017 TRC