in:

Furti ed incuria, in una parola “degrado”. E’ questa la situazione del cimitero di Freto

Il cartello è ben visibile sul cancello d’ingresso accanto agli avvisi e agli orari di apertura. ”, Perché nemmeno nel silenzio e nel raccoglimento di un cimitero si è al sicuro dai ladri. Un esempio di questo odioso e purtroppo diffuso fenomeno è il camposanto di Freto dove, a dire di diversi visitatori, furti ed incuria regnano sovrani. All’interno, a dire il vero dopo un periodo infelice di alcuni anni fa il luogo è ben curato, i vialetti puliti e il prato rasato. Lo scempio è piuttosto all’esterno; la staccionata di legno è spaccata in più punti ma soprattutto i prati e i fossati circostanti sono disseminati di rifiuti; cartacce, bottiglie, lattine. Insomma una discarica davanti ad un luogo che merita rispetto e decoro. Il cimitero, pur non essendo lontano da Ponte Alto, si trova di fatto in aperta campagna ed è facilmente raggiungibile di notte da chi vuole tenersi lontano da occhi indiscreti. I ladri hanno scorrazzato anche nella vicina chiesa rubando tempo fa una statuetta sacra posta in una nicchia esterna della facciata della chiesa e la telecamera che inquadrava tutto il piazzale e una buona fetta del parcheggio del cimitero, è stata scardinata circa due anni fa e mai più rimpiazzata.


Riproduzione riservata © 2017 TRC