in:

E ora si apre anche la questione sul futuro dell’ex Staveco, tra le ipotesi anche quella di farne la cittadella giudiziaria.

Sigilli strappati all’ex caserma Masini di Bologna dove lo scorso 8 agosto è stato sgomberato lo stabile occupato dal centro sociale Labàs. I cartelli sono stati strappati nei tre ingressi laterali di via Borgolocchi. Non è ancora noto se gli autori siano componenti del centro sociale Labàs. Intanto fa ancora discutere L’idea lanciata dall’assessore all’economia Matteo Lepore di trovare spazi per i centri sociali Labas e Crash nell’area dell’ex Staveco. Dopo che una parte di Pd aveva mostrato un certo dissenso e distacco rispetto alla posizione dell’assessore, anche i magistrati e gli avvocati di Bologna hanno fatto sentire la loro voce sul futuro di quell’area che, tra le ipotesi allo studio del Comune, potrebbe diventare anche la nuova cittadella giudiziaria. La parola ora spetta al comune di Bologna, in particolare il sindaco Virginio Merola, che nelle ore successive allo sgombero aveva dichiarato: “troveremo un’altra sede a Labas”


Riproduzione riservata © 2017 TRC