in:

Il comune al Mipim Cannes, Salone dello sviluppo e degli investimenti: “Presto un’agenzia per l’attrattività del territorio”.

La Bologna del futuro si presenta a Cannes. Al Mipim, salone dello sviluppo e degli investimenti, Matteo Lepore e Valentina Orioli, assessori comunali all’Economia e all’Urbanistica, hanno portato i progetti che ridisegneranno la città: dal nuovo Dall’Ara a Fico, dalla riqualificazione della Fiera al masterplan sull’aeroporto fino al data center del Centro europeo per le previsioni meteorologiche
a medio termine.  “Bologna – ha detto Lepore – è una città che si sta organizzando per gestire al meglio le politiche di attrattività e investimento a partire dalla creazione di un’agenzia dedicata”. Nel corso dei prossimi mesi verrà infatti costituito un team di lavoro che coinvolgerà Comune, Città metropolitana e le principali società partecipate. “Nel mondo – ha aggiunto l’assessore – sono sempre di più gli investitori che sono alla ricerca di progetti pronti, attuabili in tempi certi e Bologna,
come dimostrato con gli ultimi importanti investimenti attirati nel nostro territorio, Philip Morris in primis, dimostra di essere all’altezza di competere con le principali mete di
interesse a livello europeo”. “A Bologna – ha ricordato Orioli – esistono 100 ettari di aree ferroviarie o militari dismesse che, grazie alle indicazioni contenute nel Piano operativo comunale ‘Rigenerazione Patrimoni Pubblici’, possono essere trasformate innescando processi di rigenerazione urbana di alta qualità ambientali. Le aree dismesse di proprietà pubblica potranno
dunque acquisire nuove funzioni per la città nel suo complesso: residenze, centri direzionali e commerciali, attività di accoglienza e ristorative”. L’assessore all’urbanistica ha poi presentato la sede del data center del Centro europeo per le previsioni meteorologiche a medio termine: “Un’area di novemila metri quadri, compresa la zona per i supercomputer al piano terra e per gli uffici. Una disponibilità di spazi che potrà essere ulteriormente ampliata, con altri seimila metri quadri e con la possibilità di ospitare altre attività di ricerca correlate”.


Riproduzione riservata © 2019 TRC