in:

Il tour di laboratori del progetto di Hera “Un pozzo di scienza” ha fatto tappa al Mercato della Terra di Bologna. I partecipanti hanno imparato a costruire un orto verticale

Bastano due ore di lavoro e due bancali per creare un orto verticale. E’ la sfida lanciata dai ragazzi di Biodivercity, al centro di un laboratorio che si è tenuto al mercato della Terra di piazzetta Pasolini, nell’ambito della nona edizione del progetto di Hera “Un pozzo di scienza”. Pellet smembrati e riempiti di terra, per per creare un piccolo angolo verde sul proprio bancone e coltivare piccole piante aromatiche,ortaggi e verdura fresca nel centro cittadino. E nel sistema di orto verticale si punta anche al risparmio dell’acqua, attraverso un impianto semplificato di irrigazione a goccia. E’ la divulgazione scientifica l’obiettivo di Un pozzo di scienza, il Gruppo hera ha coinvolto gli studenti di 52 scuole della Regione in incontri con esperti, laboratori e eventi. Il tema di quest’anno è Fooding, allenare la mente per nutrirsi meglio: un’analisi del cibo nell’anno dell’Expo.


Riproduzione riservata © 2017 TRC