in:

Lo stop arriva con la richiesta di rivedere le procedure per ridurre l’uso del suolo. La prossima scadenza del mandato amministrativo costringe inoltre a rinviare tutto alla prossima consiliatura

La Provincia di Modena boccia il Psc dell’Unione Terre di Castelli. Lo stop arriva con la richiesta di rivedere le procedure per ridurre l’uso del suolo. La prossima scadenza del mandato amministrativo in quattro dei cinque Comuni costringe inoltre  a rinviare tutto alla prossima consiliatura. In particolare, secondo la Provincia, la capacità insediativa per la residenza non potrà superare le 5.131 abitazioni. La valutazione del Psc si è svolta tra il 10 settembre e il 28 gennaio scorso tramite la apposita conferenza di pianificazione. Le norme del Psc predisporranno principi per la formazione dei Piani operativi comunali (Poc) per graduare la loro attuazione allo scopo di non consumare nuovo suolo o contenere l’estensione dei nuovi insediamenti a quanto strettamente indispensabile.


Riproduzione riservata © 2019 TRC