in:

Oggi e domani visite guidate all’interno dell’impianto, solitamente inaccessibile al pubblico, per una full immersion nel mondo della manutenzione dei treni.

I primi a varcare i cancelli del Deposito Locomotive di Bologna sono stati, questa mattina, gli studenti dell’Istituto Professionale per l’Industria e l’Artigianato Beata Vergine di San Luca. Una vera full immersion nel mondo della manutenzione dei treni regionali dell’Emilia-Romagna quella offerta da Trenitalia che ha deciso di aprire le porte al pubblico di un luogo di lavoro solitamente inaccessibilie al pubblico. La visita – riferisce una nota di Trenitalia – organizzata in collaborazione con i Maestri del Lavoro del Consolato di Bologna, ha coinvolto gli allievi della classe IV indirizzo meccanico Manutenzione e assistenza tecnica, che hanno avuto l’opportunità di vedere da vicino uno dei possibili sbocchi futuri del proprio percorso scolastico e di confrontarsi con chi già ci lavora.

 
Il Deposito Locomotive di Bologna, dove lavorano circa 100 persone, è il principale impianto per la manutenzione delle locomotive modello 464 e dei mezzi leggeri elettrici, fra cui i moderni Taf e Minuetto. Vengono svolte anche attività di ristrutturazione e restyling delle vetture. Completano il circuito manutentivo altri 3 impianti – due a Bologna e uno a Rimini – dedicati alla manutenzione delle carrozze e dei convogli completi. L’iniziativa Porte Aperte prosegue domani, sabato 7 dicembre, con una visita riservata ai cittadini, con appuntamento alle 10 in via del Lazzaretto 16 (prenotazione obbligatoria al numero 313 8213498).


Riproduzione riservata © 2018 TRC