in:

Il ministro dice che rimedierà all’esclusione dei risarcimenti alle vittime dalla Legge di Stabilità. Ma il presidente dell’associazione dei parenti avverte: “Pronto a non votare la legge di stabilità, ma anche a non dare la fiducia al Governo”

Il ministro Graziano Delrio ha assicurato che si rimedierà all’esclusione dei risarcimenti alle vittime delle stragi e del terrorismo dalla Legge di stabilità, ma Virginio Merola, sindaco di Bologna, è deciso a chiedere “garanzie” più in alto. Oggi infatti, nell’aula del Consiglio comunale, rispondendo ad una sollecitazione del grillino Massimo Bugani, il primo cittadino annuncia: “Scriverò una lettera al presidente del Consiglio, Enrico Letta, per ribadire il rispetto degli impegni presi con i parenti delle vittime e con le amministrazioni locali coinvolte nella tragica vicenda che il 2 agosto 1980 sconvolse la nostra città”.

 

Bugani voleva sapere da Merola cosa volesse fare per rispondere alla situazione creatasi al Senato e che ha fatto infuriare i parenti delle vittime. Il sindaco ricorda allora di aver subito espresso “solidarietà e vicinanza ai parenti delle vittime delle stragi” e di aver giudicato “grave” il fatto che nel maxi emendamento della Legge di Stabilità non ci sia traccia del risarcimento ai familiari delle vittime della strage del 2 agosto e di altri fatti di terrorismo. “Grave poichè è un impegno che il Governo si era preso e non ha rispettato”. E proprio per vederlo rispettato Merola vuole scrivere a Letta.

 

Nel frattempo, ieri, a Roma, Paolo Bolognesi, deputato del Pd e presidente dell’associazione dei parenti delle vittime della strage alla stazione di Bologna, ha depositato alla Camera l’emendamento fermato al Senato. Nei prossimi giorni valuterà se accogliere firme oltre alla sua in calce alla richiesta e resta determinatissimo a fare di tutto perchè stavolta non ci siano sorprese negative. Se si arrivasse a una bocciatura bis “non solo sarei pronto a non votare la legge di stabilità, ma anche a non dare la fiducia a questo Governo”, avverte Bolognesi.


Riproduzione riservata © 2018 TRC