in:

Si potranno stipulare dal 2 dicembre. Il 30 novembre incontro per i cittadini per illustrare le modalità a garanzia patrimoniale.

I contratti di convivenza sono accordi in cui la coppia definisce le regole della stessa convivenza, dalle modalità di partecipazione alle spese comuni al lavoro domestico, ai criteri di attribuzione dei beni acquistati nel corso del rapporto e anche nel malaugurato caso la storia finisca. Al suo interno è possibile definire un vero e proprio regime di comunione o separazione, così come le disposizioni legate all’assistenza reciproca in caso di malattia, ma possono contenere anche clausole su mantenimento, istruzione ed educazione dei figli. Possono stipulare i contratti di convivenza tutte le persone che, legate da un vincolo affettivo, decidono di vivere insieme stabilmente, eterosessuali od omosessuali. A Modena le famiglie con due soli componenti sono 23mila 422. Più del 60% è una coppia sposata, il 23% è una famiglia unigenitoriale, poi ci sono le coppie che convivono senza legami affettivi, il 7%, e le coppie di fatto: la stima è che siano l’8% ma si tratta di un dato parzialissimo calcolato sui nuclei di due persone dichiarate nello stesso stato di famiglia, la realtà è molto più estesa. A queste ultime si rivolge l’Open day di sabato 30 novembre, quando, si forniranno consulenze gratuite ai cittadini sulel modalità del contratto.. I contratti di convivenza potranno essere stipulati presso tutti gli studi notarili a partire dal 2 dicembre.

 

Appuntamento a Modena dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 18.30, nella sede di Corso Canalgrande 71, i notai del consiglio notarile.


Riproduzione riservata © 2018 TRC