in:

I dati del Coordinamento delle Case e dei Centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna. L’impegno della Regione e le nuove Linee di indirizzo per l’accoglienza di donne e minori.

Sono 2.403 le donne maltrattate, picchiate e violentate che, negli ultimi dieci mesi, hanno deciso di chiedere aiuto. Un dato in crescita rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, quando erano state 2.278 le donne a subire violenza e ad avere la forza di aprirsi. I dati sono stati raccolti dal Coordinamento delle Case delle donne e dei Centri antiviolenza dell’Emilia-Romagna che sul territorio conta 11 strutture da Piacenza a Rimini e altre 6 realtà di ascolto, accoglienza, consulenza e formazione. Il bilancio dell’attività è stato fatto stamani, in vista del 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne.

 

 

La maggioranza delle donne che nel 2013 si è rivolta ai centri lo ha fatto per la prima volta ed è di nazionalità italiana. Le straniere sono infatti solo 700 sul totale delle 2.400. Nel 78 per cento dei casi si tratta di donne con figli che spesso hanno subito a loro volta violenza, diretta o assistita. Sono prevalentemente coniugate o conviventi e hanno una scolarità medio alta. L’età prevalente oscilla tra i 30 e i 49 anni,  C’è poi un dato di fondo che si ripete in oltre l’80 per cento dei casi, e cioè che la violenza è compiuta da un partner o da un ex: una figura dunque nota.

 

Durante l’incontro di oggi sono state illustrate anche le Linee d’indirizzo per l’accoglienza di donne, bambini e adolescenti, recentemente approvate dalla giunta regionale. “Siamo stati i primi a varare uno strumento di questo tipo perché abbiamo lavorato molto come istituzioni a un provvedimento integrato, sociale e sanitario” ha sottolineato l’assessore regionale alle Politiche sociali Teresa Marzocchi, mentre la vicepresidente della giunta Simonetta Saliera ha ricordato come a Cervia, in un bene confiscato alla criminalità organizzata, si stia aprendo una casa rifugio per donne vittime di violenza.

 


Riproduzione riservata © 2018 TRC