in:

La Provincia premiata con la Targa Blu per impegno sicurezza stradale. Grazie agli interventi di messa in sicurezza sulle artiere provinciali, c’è stato un risparmio di circa 30 milioni di euro

In dieci anni, dal 2002 al 2012, sul territorio della provincia di Bologna i morti per incidenti stradali sono diminuiti di quasi il 50% passando da 144 a 73 (-49,3%), mentre gli incidenti sono passati da 5.611 a 3.754 (-33,1%) e i feriti da 7.898 a 5.151 (-34,8%). A fornire il quadro della situazione è la stessa Provincia di Bologna che, domani a Pontremoli, nel Massese, riceverà l’attestato al merito 2012 del Premio Internazionale sulla sicurezza stradale ‘Targa Blu’.

 

Il Premio – si legge in una nota – è istituito dal Centro Studi Indipendente sulla Sicurezza Stradale con il patrocinio della Commissione Europea, e costituisce un riconoscimento, analogo alla ‘Bandiera Blu’ per le spiagge e gli approdi, rivolto agli Enti proprietari delle strade che abbiano dato prova di impegno e virtuosismo per garantire la sicurezza sulle strade di propria competenza. Nelle sole strade provinciali – chiosa la nota – si è passati: da 753 incidenti del 2002 a 568 del 2012 (-24,5%), da 1.121 feriti a 843 (-24,8%) e da 42 morti a 25 (-40,5%).

 

La Provincia – si legge ancora – ha inoltre calcolato che, grazie agli interventi di messa in sicurezza sulle sole strade provinciali, c’è stato un risparmio per la collettività in termini di costo sociale di circa 30 milioni di euro. “La Provincia di Bologna – afferma l’assessore ai Lavori Pubblici Maria Bernardetta Chiusoli – ha raggiunto l’obiettivo europeo, pur con un anno di ritardo, dimezzando il numero dei morti e in base ai dati del 2012 risultiamo in linea con il nuovo sentiero-obiettivo che prevede un ulteriore dimezzamento delle vittime entro il 2020. Questo riconoscimento conferma dunque la positività del nostro operato”.


Riproduzione riservata © 2018 TRC