in:

La Giunta regionale ha assunto anche l’impegno di integrare nel 2014 i fondi sociali dei Comuni per aiutare le famiglie

Per i Map sono in arrivo ulteriori controlli, oltre a quelli sulle bollette: gestione commissariale, Comuni e servizi sociali accerteranno la regolarità dell’uso delle strutture, concesse gratuitamente con il solo pagamento delle utenze. Tra i casi segnalati da controllare, ci sono episodi di irreperibilità dell’assegnatario, con eventuale subaffitto ad altri e casi di cessazione del diritto di usare la struttura per il ritorno in possesso dell’abitazione principale. “Tutte le misure adottate dal Commissario delegato alla ricostruzione e dai Comuni, a maggior ragione per quanto riguarda i Map – ha sottolineato l’assessore regionale Gian Carlo Muzzarelli – sono state improntate ai principi dell’equità, della trasparenza e della legalità. Partendo da questi principi, il Commissario delegato alla ricostruzione e la Regione sono intenzionati a seguire l’evolversi della situazione e a confrontarsi con i cittadini, per garantire condizioni di vita dignitose ai beneficiari, comportamenti corretti e responsabili da parte di tutti e prospettive certe di fuoriuscita presso alloggi permanenti in proprietà o in affitto”. A questo proposito, Muzzarelli ha ricordato che la Giunta regionale e il Commissario hanno assegnato alle Acer 40 milioni per il recupero dei propri alloggi colpiti dal sisma; 25 milioni di fondi regionali sono stati destinati ai Comuni per l’acquisto di circa 170 nuovi alloggi, con l’autorizzazione ad utilizzarli incrociando le esigenze delle graduatorie Erp e quelle del terremoto. La Giunta regionale ha inoltre assunto l’impegno di integrare nel 2014 i fondi sociali dei Comuni per aiutare le famiglie effettivamente bisognose.


Riproduzione riservata © 2018 TRC