in:

Simone, disabile, ed Eri da ieri sono marito e moglie

Simone ed Eri da ieri pomeriggio sono marito e moglie. Abito bianco sobrio e delicato per lei, un piccolo fiore bianco nel taschino della giacca per lui. Tanta gioia ed emozione per entrambi, anche grazie alla parole forti e sentite di don Orfeo Cavallini, parroco del Duomo che ha celebrato un rito nunziale un pò diverso dal solito. Si perchè Simone Soria, ingegnere informatico 33enne di Modena è affetto da una grave disabilità motoria, ma questo non gli ha impedito di trovare una persona con cui condividere tutto. "nella buona e nella cattiva sorte", come hanno recitato Simone ed Eri Ueno, 22 anni di Tokyo, da ieri moglie di Simone. Seduti nei primi banchi i genitori degli sposi, i testimoni e tanti amici venuti direttamente dal Giappone per partecipare alla cerimonia, scritta sul libretto sia in giapponese che in italiano. "Vi scrivo per invitarvi a questo bellissimo evento e per raccontarlo poiché il matrimonio non è cosa comune per un disabile grave: è un messaggio sociale forte che vorrei dare. Attraverso la mia esperienza vorrei dimostrare alle persone “normodotate” che un disabile può avere una vita sociale e lavorativa normale, se gli viene data la possibilità di avere un percorso scolastico e lavorativo “integrato” con gli altri" – scrive Simone in una lettera di invito.
Una giornata indimenticabile per Eri che raggiante appena uscita dalla chiesa ci ha confessato di essersi emozionata in un momento in particolare.


Riproduzione riservata © 2018 TRC