in:

Lo stabilimento cittadino perderà la Quattroporte, che verrà prodotta a Torino, ma la sostituirà con l’Alfa Romeo 4C, mantenendo così invariata l’occupazione. L’annuncio al termine di un incontro tra i vertici Fiat e i sindacati Fim e Uilm

Maserati parlerà ancora modenese. Dopo i timori degli ultimi tempi, è stata ribadita la centralità strategica della città, sia per le competenze presenti in azienda, sia per la ricchezza dell’indotto. Ma immagini come quella del presidente Ciampi che nel 2004, in pompa magna, riceve una scintillante Quattroporte diventeranno solo un ricordo, perché di auto così da Modena non ne usciranno più. E’ quanto si apprende dall’incontro che si è tenuto oggi tra i vertici Fiat e quelli dei sindacati metalmeccanici di Cisl e Uil. La nuova Quattroporte verrà prodotta a Grugliasco, vicino a Torino, mentre negli stabilimenti sotto la Ghirlandina è in arrivo la produzione dell’Alfa Romeo 4C. Una decisione che Fim e Uilm considerano soddisfacente. In termini numerici, infatti, la quantità di vetture prodotte a Modena non dovrebbe cambiare. E ciò vorrebbe dire nessuna novità per quanto riguarda l’occupazione. "Continuerà la produzione della Maserati Gran Turismo e della Gran Cabrio", fanno infatti sapere i due sindacati rimasti unici interlocutori del gruppo Fiat dopo l’esclusione della Fiom, assicurando così il mantenimento dei livelli produttivi attuali di 6.000 vetture all’anno. Ma i primi a non essere così sicuri di queste stime, sono proprio i dirigenti del Lingotto. Attraverso una nota, Fiat parla infatti di "eventuali impatti sull’occupazione", spiegando che ammanchi di produzione e processi di razionalizzazione verranno gestiti attraverso la cassa integrazione, e che è anche possibile un trasferimento di lavoratori da Modena ad altre sedi del gruppo. Tutti elementi che confermano le perplessità del consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Andrea Defranceschi, secondo cui “una Maserati made in Piemonte è un po’ un’eresia per gli appassionati”. L’importante però è che le auto del Tridente siano rimaste ancora, in buona parte, made in Modena.


Riproduzione riservata © 2018 TRC