in:

Questa mattina davanti ai centri commerciali Panorama e Esselunga di Sassuolo presidio e volantinaggio dei sindacati del commercio per protestare contro la decisione di aprire il lunedì di Pasqua

“La festa non si vende. Vogliamo stare con i nostri affetti, ne abbiamo diritto come tutti”: con queste parole in mattinata i sindacati del commercio di Cgil, Cisl e Uil, hanno protestato davanti ai due centri commerciali di Sassuolo che hanno deciso di aprire al pubblico nel giorno di pasquetta: Panorama ed Esselunga. Secondo i lavoratori che questa mattina hanno incrociato le braccia e distribuito volantini con le ragioni della protesta davanti agli ingressi, alla base della scelta di non chiudere  non vi sarebbero motivazioni economiche. “Aprire in giorni di festa come il Lunedì dell’Angelo -. insistono i lavoratori che hanno aderito allo sciopero di questa mattina – significa dimenticare che non siamo solo produttori e consumatori, ma persone con valori, relazioni e interessi, padri e madri”. Ecco perché i sindacati di categoria valutano positivamente il fatto che altre grandi catene, come Coop abbiano deciso, invece, di tenere abbassate le saracinesche. La loro protesta sarà ripetuta anche in occasione delle altre festività che ci saranno fino al 2 giugno..    


Riproduzione riservata © 2018 TRC