in:

Dopo il restauro, raddoppiano le giornate di visita. Si potrà visitare anche di sabato

Spogliata del telo di Paladino e restituita nella sua originaria bellezza ai modenesi, la Ghirlandina dal primo aprile raddoppia le aperture. Alle domeniche e ai giorni di festività si aggiungeranno infatti anche i sabati, fino alla fine di ottobre. Le giornate di apertura passeranno così da 31 a 58. Gli orari di visita vanno dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 15 alle 19 ogni sabato e domenica dal primo aprile al 29 luglio. Chiusa in agosto, la torre aprirà, sempre di sabato e domenica, dal primo settembre al 28 ottobre. Apertura straordinaria il lunedì di Pasqua, il 25 aprile, il primo maggio e sabato 2 giugno. La Ghirlandina, che sin dall’inizio ha avuto funzioni civiche custodendo i forzieri con gli atti pubblici del Comune, sarà invece chiusa il giorno di Pasqua. Salire sulla torre, simbolo della nostra città e tutelata dall’Unesco come e patrimonio artistico dell’umanità, costerà due euro. E intanto il settore lavori pubblici del comune di Modena è presente al 19esimo Salone dell’arte del restauro e della conservazione dei beni culturali e ambientali in corso alla Fiera di Ferrara. Nello stand sono presentati attraverso filmati e pannelli descrittivi i lavori di restauro alla torre Ghirlandina e quelli in corso al Duomo.


Riproduzione riservata © 2018 TRC