in:

Migliaia di metalmeccanici della Fiom-Cgil hanno bloccato oggi pomeriggio la tangenziale di Modena e anche l’Autostrada del Sole.

Pomeriggio difficile per gli automobilisti modenesi e non solo. I manifestanti della Fiom-Cgil hanno infatti bloccato tangenziale e autostrada. Le tute blu sono partite verso le 15 da via Emilia Ovest per poi sfilare sulla tangenziale, raggiungere il casello autostradale di Modena Nord ed invadere l’autostrada del Sole, causando uno stop del traffico. Ci sono stati pochi attimi di tensione, ma la situazione è subito rientrata senza scontri. La manifestazione è stata organizzata in occasione dello sciopero di quattro ore dei metalmeccanici della Fiom nell’ambito del  pacchetto di sedici ore complessive, proclamate dal direttivo nazionale Cgil contro la riforma del mercato del lavoro presentata dal Governo Monti e soprattutto contro la modifica dell’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori. Hanno scioperato oggi anche le Rsu Uilm della Cnh, le Rsu unitarie della Titan di Finale Emilia e le rappresentanze di altre grandi aziende del territorio modenese come la Nuova Fima, l’Angelo Po e la Rossi Motoriduttori. La tangenziale, per tutta la durata del corteo che si è concluso regolarmente alle 17.30, è stata chiusa in direzione Milano dall’uscita 11, e il traffico è stato deviato verso Carpi. Nel tratto di tangenziale in direzione Bologna, è stata, invece, chiusa l’uscita 16. Secondo la Fiom la manifestazione di oggi avrebbe coinvolto 10mila lavoratori; mentre la Questura ha parlato di 3mila persone. Per il sindacato dei metalmeccanici della Cgil questa è solo la prima di una serie di iniziative di protesta che verranno messe in campo nei prossimi giorni, mentre il consigliere regionale del Pdl Andrea Leoni sottolinea come “bloccare tangenziali o caselli autostradali produca difficoltà alle imprese ed ai cittadini” e ribadisce la necessità di una riforma del lavoro.


Riproduzione riservata © 2018 TRC