in:

Scolaresche in visita, tra leggende e vecchie glorie, in via Pomposiana

Tutti a scuola di volley: il museo di via Pomposiana, che raccoglie cimeli pallavolistici da tutto il mondo, ha aperto ufficialmente le porte alle visite delle scuole primarie. Riscuotendo grande successo. Cellulari, fotocamere, consolle portatili per immortalare le leggende in una città di leggende. I ragazzi modenesi delle classi quinte vanno a caccia di trofei, e del volto del patron Peppino Panini – venuto a mancare prima che loro nascessero, ma la cui leggenda sopravvive al tempo, intatta. Il museo del Volley è un’occasione speciale per scoprire non solo uno sport, già introdotto nelle loro attività scolastiche; ma anche un forte retaggio tradizionale della loro città. Molti di loro non sono mai stati al PalaPanini, ma intendono rimediare alla svelta. Non c’è solo il volley, nel museo del volley. C’è cultura dello sport a 360 gradi; come nelle scuole primarie che, attraverso l’alternanza di discipline nelle ore di educazione fisica, riescono a creare nei bimbi gli interessi più disparati. Per loro, da oggi il museo del Volley è ufficialmente una meta di pellegrinaggio didattico nell’ambito del progetto Memo, a cura del Comune di Modena.


Riproduzione riservata © 2018 TRC