in:

Nuova campagna contro i porteghesi messi in atto da Atcm. Senza biglietto l’autobus non parte

Vita sempre più dura per gli abusivi sugli autobus di Modena. Scatta infatti da lunedì una nuova campagna di Atcm che sulle linee urbane numero 3 e 8 autorizzerà i conducenti a partire solo se tutti i passeggeri presenti a bordo avranno pagato il biglietto. In caso contrario il mezzo non si muoverà di un solo centimetro e così sarà fino a quando, dopo l’invito dell’autista, i trasgressori non scenderanno. E se ancora i cittadini non in regola insisteranno a rimanere sull’autobus, sarà la Centrale Operativa ATCM a chiedere l’intervento delle forze dell’ordine.
Per ridurre al minimo i disagi nei confronti di chi il biglietto lo paga regolarmente, evitando soste prolungate e ritardi eccessivi, Atcm ha aumentato il personale in servizio, posizionandolo in modo da poter raggiungere in pochi minuti il luogo di intervento.
In sostanza, “Non paghi? Non parto”, esattamente come il nome scelto da Atcm per una campagna inedita in Italia, realizzata a livello sperimentale per la prima volta a Modena, dove già l’azienda aveva avviato altre iniziative anti-portoghesi. Dalle punizioni si passa però oggi alla prevenzione, impedendo di fatto a chi intende muoversi in autobus senza acquistare un regolare titolo di viaggio di riuscire nel proprio intento.
Le linee 3 e 8 sono state scelte perché sulle tratte sono già in servizio autobus dotati di tornelli, che proprio l’azienda modenese, prima in Italia, ha fatto installare come ulteriore disincentivo per gli abusivi. E i dati sull’aumento delle vendite di biglietti a bordo registrati negli ultimi mesi dimostrano la buona riuscita delle iniziative.


Riproduzione riservata © 2018 TRC