in:

Nuovi rincari per la benzina, anche a causa della manovra finanziaria. Per cercare di abbassare il prezzo alcune associazioni dei gestori hanno presentato una proposta di legge per istituire l’acquirente unico.

Non si ferma la corsa del prezzo della benzina. Le associazioni dei gestori delle stazioni di rifornimento prevedono nuovi rincari di circa 2 centesimi al litro nei prossimi giorni. Secondo Staffetta Quotidiana, rivista del settore petrolifero, un ruolo fondamentale nell’aumento lo ha giocato la manovra finanziaria che ha ritoccato le accise per reperire fondi a favore dello spettacolo e dell’emergenza degli sbarchi. Per promuovere una riforma del settore che potrebbe favorire notevoli risparmi, le federazioni dei gestori di confesercenti e cisl hanno raccolto 500mila firme e presentato un progetto di legge. Anche Modena ha dato il proprio contributo, con circa 3mila firme raccolte. La proposta è quella di istituire un acquirente unico nazionale dei prodotti petroliferi per l’autotrazione per metterli a disposizione, allo stesso prezzo, dei gestori. Con questo sistema si potrebbero risparmiare circa 6 centesimi al litro, 415 euro all’anno in media per famiglia.


Riproduzione riservata © 2018 TRC