in:

Alla fine è stata assunta l’operatrice socio sanitaria respinta in un primo tempo dall’Asl di Modena perchè incinta.

Alla fine è stata assunta l’operatrice socio sanitaria respinta in un primo tempo dall’Asl di Modena perchè incinta. Del buon esito della vicenda dà notizia Marco Bonaccini, segretario del sindacato della Funzione Pubblica della Cgil, che, alcune settimane fa, aveva sollevato il caso. Alla lavoratrice spettava l’assunzione perchè inserita in graduatoria, ma la gravidanza era stata ritenuta inidonea alle mansioni cui era chiamata. Dopo la mobilitazione del sindacato e l’intervento delle istituzioni, l’Azienda sanitaria ha ripreso in esame il caso e attribuito alla donna nuove mansioni che non mettono a rischio la sua salute e quella del nascituro.


Riproduzione riservata © 2018 TRC