in:

I Carabinieri del Comando provinciale di Modena celebreranno domani il 197° anniversario di fondazione dell’Arma. Presentato nell’occasione il report sull’ultimo anno di attività.

Diminuiscono su tutto il territorio provinciale le estorsioni, le violenze sessuali, le rapine in banche, uffici postali e negozi. Aumentano invece i servizi di controllo e di contrasto del crimine svolti dai Carabinieri del comando di Modena che nel 2010 hanno effettuato quasi 600 arresti ed denunciato oltre 3 mila 400 persone. Il dato emerge dal report sull’ultimo anno di attività dei militari dell’Arma che domani, alle 10, presso la caserma di viale Tassoni, sede del comando provinciale, celebreranno in forma solenne il 197° anniversario di fondazione del corpo. Tra le operazioni condotte nel 2010, particolare risalto assumono quelle tese ad arginare il fenomeno delle infiltrazioni mafiose. A questo contesto vanno ricondotti sia gli arresti di 3 affliliati al clan dei casalesi dediti a taglieggiamento e alla conduzione di bische clandestine che il sequestro preventivo di beni immobili nei confronti della ndrangheta per 8 milioni di euro. Ma l’attività svolta dai Carabinieri ha riguardato anche altri ambiti: il Nucleo tutela patrimonio culturale ha recuperato beni storici per 335 mila euro; l’Antifrodi ha sequestrato alimenti per 50 tonnellate; l’Antisofisticazioni ha ispezionato 422 aziende e chiuso tre negozi; il Nucleo operativo ecologico ha elevato sanzioni per 200 mila euro. Senza dimenticare i 660 interventi di soccorso svolti sull’Appennino dai carabinieri sciatori e le oltre 200 ispezioni compiute dal Nucleo dell’ispettorato del lavoro. L’Arma modenese comprende 4 compagnie: Modena, Sassuolo, Pavullo e Carpi, la Tenenza di Vignola e 40 stazioni dislocate nei vari comuni. La centrale operativa riceve dai cittadini qualcosa come 500 richieste d’intervento al giorno smistandole alle pattuglie in servizio sul territorio e alle gazzelle che in pochi minuti sono in grado di raggiungere qualsiasi località, anche la più sperduta.


Riproduzione riservata © 2018 TRC