in:

Una puntata interamente dedicata a questo gustoso frutto rosso, quella della trasmissione “A cielo Aperto”. E la ciliegia sarà anche la protagonista, già da domani, della festa che ogni anno si svolge a Vignola.

Una tradizione secolare lega Vignola alle sue ciliegie, grazie ad un territorio ricco di storia e tradizioni agricole che derivano dall’unione di ideali condizioni pedoclimatiche e di una profonda conoscenza delle tecniche di coltivazione, insieme ad un’innata propensione all’innovazione. Vignola è stata tra le capofila delle più importanti esperienze nel settore della produzione, conservazione e commercializzazione dei prodotti ortofrutticoli. Attualmente, il comprensorio ha una produzione di circa 30mila quintali di ciliegie all’anno, tra cui la famosissima ‘Mora di Vignola’, uno dei migliori prodotti dal punto di vista organolettico, fino a qualche tempo fa abbandonato perché poco produttivo ed ora invece in fase di rilancio grazie alle nuove tecniche. Nuovi impianti, come i teloni di copertura antispacco, che consentono di ottenere, anche in annate poco favorevoli da punto di vista climatico, un prodotto di alta qualità. Quella qualità che, in attesa dell’Igp, viene garantita dal marchio Vignola. La ciliegia sarà la protagonista della festa nazionale che in questi primi due weekend di giugno porterà nelle vie e nelle piazze di Vignola le rappresentanze dei circa 50 Comuni dell’associazione nazionale Città delle ciliegie, con la capitale di questo frutto che si riempirà di musica, arte e itinerari gastronomici fino al 12 giugno.


Riproduzione riservata © 2018 TRC