in:

Approvato il nuovo codice della strada, sarà in vigore già dal prossimo week end. Tra le novità la targa personalizzata, il casco in bici per gli under 14 e il test antidroga per la patente. Giro di vite anche per alcol e motori truccati.

Approvato oggi in via definitiva il nuovo codice della strada: manca solo la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale, ma già da venerdì prossimo dovrebbe essere in vigore, in tempo per il primo week end da esodo con bollino nero. Confermato il giro di vite contro l’alcol: il tasso nel sangue dovrà essere pari a zero per neopatentati e conducenti professionali, divieto di vendita di superalcolici e alcolici, di notte, in autostrada. Gli autisti professionisti trovati ubriachi potranno essere licenziati. E ancora: test antidroga per prendere la patente, stretta sulle minicar e sui motori truccati, verifica dopo i corsi per recupero punti e prova pratica per il patentino. In compenso, si potrà avere il foglio rosa già a 17 anni, guidare mezzi pubblici e camion fino a 70 anni, ottenere l’uso orario per andare al lavoro in caso di patente sospesa. Le multe verranno notificate in 60 giorni, non più 150, e misure più severe per chi non rispetta il passaggio dei pedoni e per i camionisti che non rispettano i periodi di riposo. Gli ultraottantenni per guidare dovranno, ogni 2 anni, sottoporsi a visita medica; fino a 14 anni è obbligatorio il casco anche in bici e arriverà il seggiolino per minori trasportati in moto. E la targa non sarà più legata al veicolo, sarà personale e personalizzata, mentre la sicurezza stradale dovrebbe in futuro diventare materia scolastica. Non cambia il limite di velocità in autostrada, 130 chilometri l’ora, ma viene data ai gestori facoltà di elevarlo a 150 in tratti a tre corsie, coperti dai tutor e in condizioni meteo favorevoli. Soddisfatto dell’approvazione il governo, ma anche l’opposizione parla di importanti modifiche, chiedendo però risorse per i controlli se non si vuole vanificare tutto. Per l’Idv, poi, bisognava insistere sui sistemi di mobilità sostenibile.


Riproduzione riservata © 2017 TRC