in:

Dopo l’ennesima offensiva di Caprotti, oggi è Coop Estense ad intervenire sul confronto con Essselunga. “Non c’è nessuna anomalia modenese” si legge sui quotidiani locali.

“Non c’è nessuna anomalia modenese”. Nel pieno del confronto tra Esselunga e Coop, oggi è stata Coop Estense ad affidare il proprio messaggio ai quotidiani locali per dimostrare, dati alla mano, che nel milanese il mercato della grande distribuzione è decisamente in mano a Caprotti. Nei dieci comuni lombardi esaminati, Esselunga ha a disposizione il 54,5% della superficie di vendita complessiva contro il 7,5 di Coop. “Non per questo – evidenzia Coop Estense – significa che c’è stata una violazione del libero mercato e della concorrenza. Semplicemente, Caprotti ha messo radici nel suo territorio di riferimento, proprio come ha fatto Coop Estense a Modena, perché la storia ha un senso per tutti”.


Riproduzione riservata © 2017 TRC