in:

Ieri lo sciopero dei medici, oggi lo sciopero dei vigili del fuoco: continua la protesta delle categorie penalizzate della manovra economica del governo Berlusconi. Che forse ne richiederà un’altra correttiva per l’autunno: ne hanno parlato ieri, nel modenese, in iniziative differenti, Errani, Franceschini e Letta.

“Una manovra che va avanti a colpi di fiducia, ma che noi contrasteremo fino all’ultimo momento utile”: è deciso il presidente della Conferenza delle Regioni Vasco Errani che, ieri sera, era a Carpi insieme al capogruppo del Pd alla Camera Dario Franceschini, per l’iniziativa di chiusura della Festa nazionale della Green economy. Entrambi hanno stigmatizzato una manovra economica considerata non solo iniqua ma incapace di guardare al futuro. Una manovra da 25 miliardi e, forse, non sarà sufficiente: i tecnici della Camera hanno lanciato l’allarme, in autunno potrebbe essere necessaria una manovra correttiva. Lo sciopero dei vigili del fuoco. Un minuto di raccoglimento sotto il raglio delle sirene d’emergenza. Non in silenzio: quello è durato abbastanza. Il silenzio degli interlocutori ai quali i Vigili del Fuoco, di Modena come del resto d’Italia, si rivolgono per avere conto di quanto promesso e mai mantenuto. Concorsi in ritardo di quattro anni, pericolose carenze di personale, ora anche i tagli della nuova manovra economica. Hanno indetto uno sciopero, ma è soltanto formale perché a loro non è permesso lasciare il posto di lavoro, in quanto ufficiali di pubblica sicurezza. E oggi, durante lo sciopero, lavoreranno gratis. Tutte le sigle sindacali, cgil cisl uil e gli autonomi del co.na.po, si concendono una breve pausa per manifestare una situazione non più sostenibile. Nelle condizioni attuali, con mezzi obsoleti a disposizione e troppe responsabilità affidate al buon cuore dei volontari, sono tante le cose che i Vigili del Fuoco non riescono più a fare. O devono fare a proprio rischio, attraverso la violazione della scala gerarchica. Un caporeparto è ufficiale giudiziario, un caposquadra no: semplice agente, dice la legge. Eppure anche i capisquadra svolgono funzioni di ordine superiore. E se succede qualcosa, non c’è tutela legale.nciato l’allarme, in autunno potrebbe essere necessaria una manovra correttiva.Quote latte, gli allevatori a MilanoDopo Roma, Milano: domani gli allevatori modenesi aderenti a Coldiretti saranno nel capoluogo lombardo davanti alla sede della Regione per manifestare contro il cosiddetto emendamento ‘salva quote latte’ che  – dice Coldiretti – penalizza chi ha sempre rispettato la legge e pagato le multe. La manifestazione di domani coinvolgerà gli allevatori di tutte le regioni del Nord Italia e ha come epicentro la Lombardia dove si produce il 40% del latte italiano. La mobilitazione continuerà giovedì, di nuovo a Roma, con presidio davanti a Montecitorio, mentre alla Camera sarà in corso la discussione sulla manovra.  


Riproduzione riservata © 2017 TRC