in:

“Ci vuole rispetto per le istituzioni, anche quando la sfida commerciale si fa dura”: il sindaco Pighi, ospite de La Città su Trc, interviene sulla vicenda dell’area dell’ex consorzio e sulle accuse di Caprotti di Esselunga.

Il caso, da locale, si sta trasformando in vicenda di interesse nazionale. Il patron di Esselunga Bernardo Caprotti ha annunciato per domani pagine a pagamento sui giornali nazionali: nel testo si denuncerebbe una sorta di “patto occulto” tra Comune di Modena e Coop Estense per impedire la costruzione di un supermercato nell’area dell’ex Consorzio agrario. Coop Estense ha già espresso il fermo intendimento di tutelare la propria immagine rivolgendosi all’autorità giudiziaria. Il Comune di Modena parla di “accuse gravi ed infondate” e si è già rivolto alla Procura, come ha confermato il sindaco Pighi nel corso della trasmissione “La città”. Caprotti ha già perso ricorsi giudiziari contro l’amministrazione comunale e contro Coop Estense proprio sulla vicenda dell’area di via Canaletto. Ma come si uscirà da questa fase di stallo sull’area? Sarà l’ente deputato al governo del territorio, ovvero il Comune, ha detto il sindaco, a decidere, se i privati non saranno in grado di trovare un accordo.


Riproduzione riservata © 2017 TRC