in:

L’Ansa annuncia che Caprotti ha intenzione di denunciare pubblicamente un complotto di Comune e Coop Estense. Il sindaco va in procura. Zucchelli: tuteleremo la nostra immagine.

Il sindaco di Modena Giorgio Pighi si è recato in procura, dopo che nelle agenzie di stampa è uscita la notizia che Bernardo Caprotti, Esselunga, ha intenzione di accusare pubblicamente comune e Coop Estense di aver ordito un “accordo nascosto” per impedire la costruzione di un supermercato all’ex Consorzio agrario. “Le dichiarazioni di Caprotti – ha spiegato Pighi – hanno richiesto doverosa segnalazione alla procura, perchè verifichi le ragioni che hanno portato ad accuse tanto gravi quanto infondate. Al Comune – continua – risulta solo che l’Esselunga abbia perso il ricorso contro l’amministrazione su quel terreno”. Dello stesso tenore la posizione di Coop Estense: “Apprendiamo dalle agenzie di stampa di un patto occulto, inesistente, che verrà spiegato in due pagine a pagamento sui quotidiani nazionali – ha detto il presidente Mario Zucchelli – è nostro fermo intendimento tutelare la nostra immagine rivolgendoci, nel caso, all’autorità giudiziaria. Ma siamo anche curiosi di leggere se saranno accusati anche i giudici che fin’ora gli hanno dato torto”.


Riproduzione riservata © 2017 TRC