in:

Modena è nella morsa di temperature più alte di come dovrebbero essere e di un’afa alle stelle. Nessuna tregua fino a domenica, e quando arriveranno i temporali potrebbero essere devastanti. Oggi in periferia sfiorati i 36 gradi.

Nessuna tregua dal caldo: fino a domenica non sono infatti previsti cambiamenti. Domani e sabato dovrebbero essere le giornate più difficili, con le temperature più alte. La colonnina di mercurio continuerà a salire, e le massime raggiungeranno i 37, 38, 39 gradi, nei centri urbani forse anche 40. Altissimo anche il tasso di umidità. Tutta colpa della bolla africana che insiste su tutta la zona, mantenendo le temperature decisamente al di sopra della media del periodo. Questa mattina già alle 8, in piazza Roma, si registravano 29,7 gradi, la massima è arrivata a 34,9, la più alta dell’anno, per ora, dicono dall’osservatorio geofisico dell’Università. In periferia è andata anche peggio: 35,9 gradi. Fino a domenica rimane quindi l’allerta caldo della protezione civile, poi proprio nel giorno di festa, dovrebbe arrivare un fronte di aria più fresca: la situazione resterà estiva ma più accettabile, anche se in realtà, spiega Stefano Ghetti di Emiliameteo, potrebbe aumentare l’afa e quindi rimanere invariata la sensazione di disagio. E poi ci sarà il rischio di temporali intensi. Quando arriverà il maltempo, l’energia accumulata è tale da non permettere di escludere fenomeni che localmente potrebbero risultare devastanti. Intanto, l’ozono anche ieri restava sopra i limiti di tolleranza, previsti in 120 nanogrammi come media nelle otto ore, ma senza mai superare il livello d’allarme. I consigli del dottore Bere frequentemente, seguire una dieta leggera ed evitare sbalzi di calore. Questi sono alcuni dei consigli basilari per affrontare il grande caldo di questi giorni, ma si deve prestare particolare attenzione anche all’utilizzo dei ventilatori o condizionatori. ‘Non è sbagliato utilizzarli, ma bisogna stare attenti agli sbalzi di temperatura tra una stanza e l’altra’, spiega il dott. Gaetano Feltri, referente Medici di Famiglia Modena. L’Azienda Sanitaria locale di Modena ha stilato, inoltre, un vademecum per chi assiste le persone a domicilio tradotto in diverse lingue e distribuito presso gli studi dei medici di famiglia: ‘Il caldo diventa ancora più pericoloso se unito alla solitudine’ – ha concluso il dott. Feltri.


Riproduzione riservata © 2017 TRC