in:

A Vignola è stato sperimentata con successo una nuova copertura anti grandine a protezione dei frutteti di ciliegi. Il maltempo della scorsa settimana ha fatto da “battesimo del fuoco”. Altrove però è andata molto peggio.

La sperimentazione della coperatura antipioggia automatizzata ha funzionato. Nonostante il maltempo che ha imperversato la scorsa settimana, i ceraseti di Vignola protetti con il nuovo sistema non hanno riportato danni rilevanti. E’ andata molto peggio altrove, a Savignano, San Cesario, Castelfranco, Ravarino e nella stessa Vignola, soprattutto in località Basse, là dove la grandine si è abbattuta sui campi coltivati distruggendo la frutta ancora sulle piante e vanificando il 30 per cento della produzione complessiva. E i danni non riguardano solo le ciliegie, ma anche le colture di pomodoro, pere, grano, mais, vite, soia ed erba medica. In questo panorama desolante l’unica buona notizia è quella della tenuta delle coperture antipioggia installate in via sperimentale su alcuni ceraseti di Vignola per iniziativa del locale Consorzio della ciliegia tipica. Completamente automatizzato, il nuovo sistema offre una efficace protezione a grandine e pioggia, senza inficiare la qualità della produzione L’impianto è stato presentato nel corso di un incontro, promosso dalla Provincia, con gli imprenditori agricoli interessati al progetto.


Riproduzione riservata © 2017 TRC