in:

Appello di 18 sindaci del centro-sinistra, Pighi in testa, a Governo e Parlamento in tema di sicurezza. ‘Servono politiche integrate e riforma della polizia urbana’. ‘Siamo sindaci e non sceriffi’ – hanno ribadito i primi cittadini.

"Siamo sindaci, non sceriffi; i nostri riferimenti sono le persone e le politiche per rendere migliori le città". Lo sostengono 18 sindaci italiani alla guida di giunte di centro sinistra che, per iniziativa del primo cittadino di Modena Giorgio Pighi, lanciano un appello affinché Governo e Parlamento assumano rapidamente "decisioni coerenti" sul tema della sicurezza urbana. Il documento è stato sottoscritto dai sindaci di Bolzano, Cesena, Firenze, Forlì, Genova, Imola, La Spezia, Lodi, Massa, Padova, Piacenza, Pistoia, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini, Rovigo e Trento. La sicurezza delle città non riguarda solo la prevenzione della criminalità, dicono i primi cittadini. Valorizzare la sicurezza significa uscire dallo stereotipo per accedere al più evoluto e concreto concetto di sicurezza urbana. Insomma, le politiche locali di sicurezza, le politiche integrate e la riforma della Polizia locale sono gli strumenti che oggi si devono mettere in campo per migliorare la qualità della vita delle città.


Riproduzione riservata © 2017 TRC